Convinzioni Limitanti

Convinzioni Limitanti

Cosa sono le convinzioni limitanti?

Le convinzioni limitanti sono opinioni ben radicate in noi, sono le idee e i concetti che abbiamo su chi siamo e su come funziona il mondo. Hanno il loro fondamento su basi che riteniamo oggettive e, pur presentando un certo grado di “realtà”, è sempre bene tenere presente che si tratta di nostre interpretazioni e che non abbracciano e non possono abbracciare tutta la realtà.

La vita che creiamo e le esperienze che facciamo sono determinate in misura significativa da ciò di cui siamo convinti. Queste convinzioni sono quella vocina che ci dice che non possiamo essere/fare/avere qualcosa e che determina molto spesso stati d’animo, aspettative, comportamento e relazioni. È quindi facile capire che conoscere e modificare queste credenze può permetterci di cambiare vita.

Alcuni esempi:

Le cose brutte succedono sempre a me“, “Non sono bravo a parlare in pubblico“, “Non merito che questa persona si occupi di me“, “Non sarò mai un buon manager” o “Sono troppo vecchio per cominciare a fare…”, e potrei continuare all’infinito.

Queste frasi depotenzianti sono affermazioni che non solo ci tolgono l’energia e il potere di cambiare ma ci fanno anche continuare nella strada sbagliata perché limitano le nostre potenzialità.

La mente quasi mai osserva la realtà in modo neutro, ma lo fa applicando certi “filtri” interni. Queste “lenti” mentali hanno un ruolo chiave nella nostra vita in quanto influenzano totalmente le emozioni, i pensieri e i comportamenti.

I nostri pensieri sono potenti. Insieme con le parole, le chiacchiere mentali e le cose che diciamo a noi stessi, sono lo strumento principale che usiamo per raggiungere i nostri obiettivi. Determinano le nostre azioni o inazioni.

Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri. I tuoi pensieri diventano le tue parole. Le tue parole diventano le tue azioni. Le tue azioni diventano le tue abitudini. Le tue abitudini diventano i tuoi valori. I tuoi valori diventano il tuo destino. M.Gandhi

Come iniziare a liberarsene:

  1. Scrivi i tuoi pensieri limitanti.

Gioca a fare il detective e segui i tuoi pensieri ed emozioni per scoprire le convinzioni limitanti che ti bloccano. Mettile su carta e scegline una su cui lavorare.

Si possono manifestare nei seguenti modi: quando trovi scuse, quando ti lamenti, quando hai pensieri negativi, quando indulgi in abitudini inutili, quando parli a te stesso in modi limitanti, quando salti a conclusioni e/o fai delle ipotesi, quando esiti o esprimi le tue paure, quando ti preoccupi di fallire o di commettere errori, quando pensi di procrastinare, quando pensi di abbandonarti al perfezionismo, etc…

  1. Riconosci che queste sono credenze, non verità!

Questo è spesso il passo più difficile perché si è convinti che i nostri limiti siano reali!

Ecco che entra in gioco la scelta. Cosa ti interessa di più: difendere i tuoi limiti o raggiungere i tuoi obiettivi e desideri?

  1. Prova una convinzione diversa, potenziante.

Scegli una convinzione che hai identificato e, a fianco, annota come potrebbe diventare. Ad esempio trasforma la frase “sono troppo vecchio per cominciare a studiare l’inglese” in “non è mai troppo tardi per imparare l’inglese” oppure “non sarò mai felice” in “mi merito di essere felice“, etc.

Metti in dubbio la tua convinzione e crea dei solidi punti di riferimento per la tua credenza potenziante.

  1. Agisci

Adesso fai il primo passo. Quindi se hai scelto ad esempio di imparare l’inglese, inizia e fai il primo passo, compra un libro di testo o iscriviti ad un corso adatto, i tuoi pensieri sono alla base di qualunque azione.

“Le nostre convinzioni possono plasmare, influenzare o perfino stabilire il nostro grado di intelligenza, di salute, di relazioni, di creatività, addirittura il nostro grado di felicità e di successo personale”. Robert Dilts

Se vuoi provare a depotenziare una tua convinzione limitante, “Outside the Box” fa per te.
Se vuoi approfondire l’argomento clicca qui.

Se vuoi avere ulteriori informazioni, non esitare a contattarmi e ricorda che fino alla fine di febbraio il costo del servizio è 115 Euro invece di 140 Euro. Approfittane e non rimarrai delusa!

Ti aspetto!

Pensare fuori dagli schemi

Pensare fuori dagli schemi

Perché “pensare fuori dagli schemi”?

 

Perché esercitare il pensiero laterale e quindi il pensiero creativo significa andare fuori degli schemi del ragionamento logico-deduttivo e trovare nuove idee e soluzioni.

Quando stavo studiando i miei nuovi servizi di Coaching, ero già sicura che avrei voluto sperimentare l’uso delle carte Points of You e nello specifico “The Coaching Game” e “Punctum”.
Dopo aver seguito la formazione, mi sono talmente appassionata a questi strumenti così innovativi, che ho pensato che sarebbe stato molto interessante usarli con le mie clienti.  È così che è nato il servizio “Outside the Box”.

Queste carte sono uno strumento potente che invita a pensare fuori dagli schemi, a liberarsi dai propri modelli di pensiero, aprendo così possibilità di cambiamento, di espansione e crescita.

Punctum, il gioco che utilizzo di più nelle sessioni online, si basa su connessioni associative tra foto meravigliose, temi intriganti e domande significative che stimolano nel Coachee un reale apprendimento e sviluppo del suo pensiero. È composto da 33 foto, 33 domande per guidare ed espandere il proprio punto di vista e 33 parole.

La foto stimola la parte destra del cervello, la parte femminile, intuitiva, associativa, visiva.
La parola, invece, stimola la parte sinistra del nostro cervello, quella che usiamo per l’85% delle volte, e che è responsabile di attività come pensare, leggere, scrivere, organizzare, gestire, catalogare, definire priorità, etc.

La stimolazione simultanea dei due emisferi cerebrali crea una “lotta” fra emotivo e razionale che abbassa i meccanismi di difesa della nostra mente, consentendo di ridurre le nostre convinzioni limitanti e spostando il nostro punto di vista, stimolando così risposte più creative ai nostri interrogativi.

 

Case Study

Cosa succede, in pratica, durante una sessione in cui si usa “Punctum”?

Facciamo un esempio pratico.

Nicoletta, si è rivolta a me, dicendomi che era in difficoltà perché doveva rientrare dalla sua famiglia in Italia per un periodo di poco più di 1 mese. Nicoletta vive all’estero, in un’isola delle Cicladi nel Mar Egeo, ed è felice della scelta che ha fatto.

Però ogni volta che sta per rientrare nella sua città natale, seppure contenta di rivedere la famiglia e gli amici, l’assale l’ansia solo al pensiero delle dinamiche che dovrà affrontare, del suo ruolo da “ago della bilancia” che ha all’interno della sua famiglia e dell’allontanamento dal suo posto ideale e dalla sua routine.

Inoltre, il tempo che passa in Italia a volte le sembra noioso.
Nonostante il legame di profondo affetto che la lega alle sue amicizie, in alcune situazioni si sente in dovere di incontrare questi amici che le impongono i loro ritmi. Si sente quindi poco libera di gestire le sue giornate.

Quindi il tema principale da affrontare in sessione per lei è trovare una motivazione più forte per affrontare il periodo in Italia e sfruttarlo al meglio.

A questo punto intervengono le carte e durante la sessione su Skype, Nicoletta pesca le seguenti carte:

Foto: un uomo che si copre gli occhi con le mani

Parola: opportunità

Domanda: che cosa sto aspettando?

Nicoletta ha iniziato a fare associazioni, a interpretare le carte e a connetterle con le emozioni che stava vivendo in quel momento. E a sorridere. Sì sorridere. Perché si è resa subito conto che quelle specifiche carte scelte le stavano inviando dei messaggi da non sottovalutare e risuonavano in lei.
Nicoletta ha condiviso con me i suoi dubbi e ha anche trovato nuove soluzioni e stimoli, nuovi modi di vedere la realtà e di come trasformare in positivo ciò che lei vedeva negativo in quel momento.

La sessione è terminata con 3 obiettivi, a breve-medio-lungo termine che l’avrebbero accompagnata nel suo viaggio in Italia e nel suo ritorno a Santorini. Nicoletta ha visto con più chiarezza che il tempo in Italia poteva essere utilizzato per fare delle cose per se stessa, per dedicarsi a ciò che più le faceva piacere, a prendere contatti per il suo lavoro, a coltivare relazioni con i nipoti, a leggere di più. E alla fine, tutto le è sembrato più leggero e piacevole!

Con uno scambio di mail e poco più di 1 ora di coaching e l’utilizzo delle carte, Nicoletta si è ricentrata ed è riuscita a superare al meglio un periodo che le sembrava difficile da affrontare e a trovare un nuovo entusiasmo al suo ritorno a Santorini. Per leggere il suo feedback, cliccate qui.

Se volete sapere di più su di lei e sul suo “happy place” cliccate qui.

Ti sei ritrovata nelle problematiche di Nicoletta? Vorresti usufruire del servizio “Outside the Box” per approfondire un tema particolare che ti crea insoddisfazione?

Se ti iscriverai alla mia newsletter qui, potrai ricevere uno sconto e ottenere questo servizio a 115 euro invece che 140 euro, per tutto il mese di febbraio.

Affrettati. Ti aspetto!


 

Rafforza la tua autostima.

Rafforza la tua autostima.

In un mio articolo, pubblicato a marzo 2018, sulla crescita personale (se vuoi, leggi qui), ho messo l’accento su quelli che ritengo essere i passaggi fondamentali per sviluppare la propria consapevolezza. 

Uno di questi è aumentare il livello di autostima.

La foto che vedete qua sotto è di JM., una mia cliente che ha fatto un percorso di coaching con me sull’autostima…la sua espressione non lascia dubbi, vero? 

E’ l’emblema di un’acquisita sicurezza in sé, di una nuova comprensione e un maggiore apprezzamento di se stessa e del suo valore.

Ma cosa significa autostima e perché rafforzarla?

L’autostima, è auto-apprezzamento, è uno sguardo nuovo e migliore su noi stessi. E’ avere fiducia nelle nostre abilità e valori, è avere una buona opinione sul nostro aspetto fisico, sulle nostre competenze, sui nostri risultati personali e professionali, sulla nostra ricchezza affettiva.

L’autostima, quindi, deriva dall’equilibrio di tanti fattori, e perciò è di natura fragile e mutevole ed evolve di continuo. 

Certo è che più viviamo allineati con i nostri valori personali e più la fiducia in noi aumenta, meno siamo coerenti con questi, più l’autostima diminuisce. 

Vari studi hanno confermato che l’autostima ha una relazione diretta con il nostro benessere generale. Cercare di mantenerla alta significa che potremmo ottenere:

  • un maggior equilibrio interiore
  • una vita più  semplice e leggera
  • sviluppo della capacità di resilienza
  • diminuzione degli stati ansiosi
  • meno auto-sabotaggio
  • più felicità
  • diventare più attrattivi

Sviluppare l’autostima è un processo che ha bisogno di pratica quotidiana e di instaurare abitudini sane.

Noi siamo ciò che facciamo ripetutamente. Perciò l’eccellenza non è un’azione ma un’abitudine.

– Aristotele –

Per costruire fondamenta salde su cui basare la sicurezza in se stessi, una delle strategie è cambiare le proprie abitudini: il cambiamento è infatti uno degli elementi chiave del percorso di crescita personale.

Nel momento in cui apprendiamo quali sono le tecniche più efficaci per migliorare le nostre abitudini, liberarci da quelle negative e instaurarne altre positive, di fatto stiamo ponendo le fondamenta della nostra nuova vita.

Ecco 7 modi per nutrire l’autostima:

  1. Zittisci il tuo critico interiore e sii gentile con te stessa.  Imparare a gestire e sostituire la voce del tuo critico interiore è molto importante per migliorare la tua autostima. Quando il tuo monologo interiore diventa eccessivamente negativo e scoraggiante e ti blocca, bisogna metterlo a tacere, perché non sta apportando nulla di buono. Ogni volta che interviene il tuo critico interiore, chiediti cosa diresti ad un caro amico se fosse nella tua situazione (tendiamo ad essere molto più compassionevoli con gli amici di quanto non lo siamo con noi stessi) e rivolgi questi commenti a te stesso. Un altro modo per bloccare quella vocina che a volte si insinua e comincia a dirti: “non sei in grado di…”, “non vedi, non sei brava come lei”, “sei pigra e non riesci a portare a termine il lavoro”, non sei all’altezza di…”, etc… Quando tutto questo e altro ti frulla nella testa, puoi decidere di bloccarlo con una parola, una frase, un urlo, con uno stratagemma che ti aiuti a spostare i tuoi pensieri su qualcosa di più costruttivo.  Trattati con cura e gentilezza. Coltivare la gentilezza dentro di te ti permetterà anche di estenderla facilmente e sinceramente agli altri e di diventare più compassionevole.
  1. Lascia andare l’idea di perfezione.
    La ricerca della “perfezione” potrebbe essere, in realtà, l’ostacolo numero uno che impedisce di trovare la felicità. Perché? Perché, per la paura di non essere all’altezza di uno standard che ti sei prefissata, può paralizzarti e impedirti di agire. E così procrastini e non ottieni i risultati che desideri. Eviti di correre rischi o di evitare di affrontare le sfide che ti si presentano, sia che si tratti di relazioni, lavoro o famiglia, inviando così un messaggio a te stessa: “Non riesco proprio a farlo”.  Invece, la realtà, molto probabilmente, è l’opposto.  Abbracciando le sfide, darai una grande spinta alla tua autostima.  Invece di rimproverarti per i tuoi errori/insuccessi, considerali come opportunità di imparare e crescere e come cose che puoi correggere in futuro. Nessuno è perfetto. Ripeti questa frase come fosse un mantra. Questo significa ricordare a te stessa che puoi sempre migliorare e che puoi imparare ed evolvere lungo il cammino. Essere vulnerabili e vivere una vita autentica significa stare bene con le proprie imperfezioni.
  1. Non cercare l’approvazione degli altri. Quando siamo bambini, cerchiamo costantemente l’approvazione da fonti esterne come genitori, insegnanti, amici. Se ci sentiamo approvati dai nostri genitori, sarà più facile sviluppare un sano livello di autostima. Invece se siamo costantemente sminuiti o criticati, il nostro senso di autostima ne risentirà. Quando diventiamo adulti, ovviamente le cose cambiano e dovremmo smettere di comportarci come bambini e di fare affidamento sull’approvazione altrui. Se non lo facciamo, potremmo essere in difficoltà. Perché? Perché se continuiamo a cercare l’approvazione delle altre persone, saremo sempre vulnerabili da un punto di vista emotivo.  Ogni volta che qualcuno non ci approva, ci farà sentire male, così in questo modo la nostra serenità e felicità dipendono da altre persone. Se vuoi vivere una vita piena e felice, devi iniziare a esaminare in che modo puoi liberarti da questo concetto di approvazione. Cercare l’approvazione ti distrae dal tuo obiettivo, dal tuo percorso. È come cercare di correre in avanti con la testa girata di lato. Non puoi andare avanti mentre ti concentri sull’opinione di qualcun altro. Quindi sposta l’approvazione da esterna a interna, concentrati sulla tua opinione, approva te stessa su qualunque cosa stai facendo o pensando. Non hai bisogno dell’approvazione degli altri per essere ciò che sei, per essere autentica e rispettare te stessa.
  1. Identifica e sviluppa le tue competenze. Per costruire la tua autostima, devi anche identificare in cosa sei brava, cosa fai bene o cosa apprezzano gli altri in te. Può essere qualcosa di piccolo, un piccolo passo nella giusta direzione, ma deve essere qualcosa. L’autostima si costruisce dimostrando abilità e risultati reali nelle aree della vita che ci interessano. Se sei orgoglioso di essere un buon cuoco, organizza più cene. Se sei un bravo scrittore, pubblica un saggio su un blog. Se sei un buon pianificatore, organizza un viaggio, una riunione di famiglia, etc. Impegnati nelle cose che fai bene. Individua le tue competenze principali e trova opportunità e carriere che possano accentuarle.
  1. Impara ad accettare i complimenti. Quando ci sentiamo male con noi stessi, è difficile per chiunque trascinarci fuori da quel solco. E proprio in questi momenti, tendiamo ad essere più resistenti ai complimenti, anche se ne avremmo più bisogno. Invece di pensare che i complimenti che ricevi sono solo bugie, dovresti prefiggerti l’obiettivo di accoglierli, anche se ti senti a disagio. Il modo migliore è quello di preparare delle risposte ai complimenti e costringerti a usarle finché non diventano automatiche. Queste risposte potrebbero essere semplicemente “grazie” o “molto gentile da parte tua”. L’impulso a sottovalutare dei complimenti alla fine svanirà, segnale che il sistema funziona e che inizi a credere alle cose carine che la gente dice di te.
  1. Abbi cura del tuo corpo. È difficile sentirsi bene con se stessi se si abusa del proprio corpo. Trascurare il sonno, seguire una dieta non equilibrata e non dedicarsi all’esercizio fisico sono cattive abitudini che non aiutano a crescere l’autostima. Ascolta il tuo corpo quando ti dice di dormire, mangiare, allenarti e rilassarti. Tratta il tuo corpo come il tempio che è veramente. Uno studio del 2016 pubblicato sulla rivista “Neuropsychiatric Disease and Treatment” ha rilevato che un’attività fisica regolare migliora l’immagine corporea. E quando l’immagine dei partecipanti al sondaggio è migliorata, si sono sentiti più sicuri e la fiducia in se stessi è aumentata. Prenderti cura di te stessa è una priorità. Quando ti senti fisicamente al meglio, ti senti più sicura di te stessa.
  1. Aiuta gli altri. Guardati intorno per sapere come puoi connetterti e aiutare gli altri nella tua vita di tutti i giorni. Anche un sorriso o una parola gentile possono fare la differenza per qualcuno e aumentare immediatamente il tuo senso di autostima. Considera il volontariato per una causa a cui tieni e aiuta chi ha bisogno delle tue abilità particolari. Una delle migliori scelte che ho fatto nella mia vita e che mi hanno dato maggior sicurezza in me stessa, è quella di aver offerto il mio tempo a supporto di malati terminali in un hospice a Milano e negli orfanotrofi in Africa. Non c’è sensazione più gratificante di sapere che hai veramente aiutato qualcuno.

“L’autostima non si ha, si acquisisce”.

Nathaniel Branden

Grazie per aver letto questo articolo. Se pensi di aver bisogno di un supporto per lavorare sulla tua autostima o su un altro aspetto di te stessa o della tua vita scopri i percorsi di coaching che ho pensato per te oppure scrivimi

Conosci i tuoi valori

Conosci i tuoi valori

Conosci i tuoi valori . Perchè?

Perché scoprirli ci aiuta a vivere con più consapevolezza e a ottenere maggior chiarezza su chi siamo e perché facciamo le cose che facciamo!

Una vita basata su un codice personale di valori porta significato, scopo e direzione alla propria vita.

Eccoci quindi all’approfondimento del punto N. 3, suggeritovi nell’articolo sulla crescita personale, pubblicato su questo blog, e che potete rileggere cliccando qui.

Cosa sono e quali sono i valori che illuminano e guidano il nostro cammino?

I valori sono il faro che ci indica la giusta rotta, la bussola che orienta e da struttura al nostro percorso. Governano il modo in cui ci comportiamo, comunichiamo e interagiamo con gli altri. Conferiscono un senso a ciò che desideriamo. Sono il “carburante motivazionale” che ci spinge ad agire. Sono ciò per cui viviamo, le nostre radici. E il rispetto di questi valori è, in definitiva, ciò che ci porta felicità e successo. 

Individuarli, analizzarli e metterli in gerarchia è un lavoro davvero speciale e fondamentale per capire che cosa ci motiva veramente e quali sono le ragioni delle azioni che compiamo.

I valori sono come le impronte digitali, sono diverse per ognuno di noi e le lasciamo ovunque andiamo.

Tuttavia, ciò che apprezziamo nella vita è soggettivo, non viviamo tutti per le stesse cose, quindi sapere cosa si apprezza di più nella vita è importante per costruire uno stile di vita che rispecchi chi siamo.

Riconnettersi con i propri valori e agire in base a loro permette di avere un sistema di riferimento che facilita il processo decisionale, rafforza l’autostima, l’efficienza, rende più fluidi i nostri comportamenti e le nostre relazioni e aumenta la nostra motivazione perché ci spinge all’azione in modo naturale.

Quando le cose che facciamo e il modo in cui ci comportiamo corrispondono ai nostri valori, generalmente ci si sente soddisfatti e sereni. Ma quando viviamo non allineati con i nostri valori personali, cominciamo a sentirci meno autentici, insoddisfatti e in disequilibrio.

Ecco un esercizio di auto-coaching per identificare i tuoi valori.

I valori rispondono alla domanda: Cosa è più importante per me, in questo momento, nella vita, nel lavoro e nelle relazioni interpersonali?”

SCEGLI Dalla lista in basso, scegli e scrivi quei valori che risuonano in te, che ti ispirano. Poniti la domanda che ho scritto qua sopra e scrivi, senza pensarci troppo, le parole che per te sono un valore fondamentale. Se pensi di possedere un valore che non è nell’elenco (ce ne sono molti di più), assicurati di scriverlo.

Esempio di valori: dignità, integrità, impegno, amore, divertimento, crescita, sincerità, passione, comprensione, romanticismo, affetto, stima, sostegno, ascolto, fiducia, stabilità, sicurezza, libertà, senso dell’umorismo, condivisione, creatività, realizzazione, crescita, rispetto, motivazione, entusiasmo, fama, potere,  indipendenza, precisione, competenza, successo, non-violenza, calma, tolleranza, eccetera, eccetera, eccetera….

RAGGRUPPA E ELIMINA – Raggruppa quei valori che consideri abbiamo un filo conduttore comune. Crea un massimo di cinque raggruppamenti. Se hai più di cinque raggruppamenti, elimina quelli meno importanti. 

Per eliminarli chiediti cosa stai facendo per dovere, per principio, per costrizione, per necessità ed elimina quindi quei valori che non ti appartengono, che non percepisci come trainanti.

ETICHETTA – Scegli una parola all’interno di ogni raggruppamento che possa rappresentare la categoria. Mi raccomando non pensare troppo. Non ci sono risposte giuste o sbagliate ma quelle che nascono spontanee. 

Esempi:

  1. se in un gruppo ci sono le seguenti parole: Equilibrio, Salute, Sviluppo personale, Spiritualità e Benessere, la parola scelta per definire il gruppo è Benessere.
  2. se in un altro gruppo metti le parole: Abbondanza, Crescita, Flessibilità, Ricchezza, Sicurezza, Libertà, Indipendenza, la parola Libertà sarà quella da scegliere per esprimere il significato della categoria.

Ecco i tuoi valori! 

Le parole scelte per definire le 5 categorie sono i 5 valori base della tua identità e la colonna portante della tua personalità.

Grazie per aver letto questo articolo. Se pensi di aver bisogno di un supporto per lavorare sulla tua crescita personale scopri i percorsi di coaching che ho pensato per te oppure scrivimi qui.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi